Secondo alcuni dati, oltre 2700 comuni hanno beneficiato della copertura ultrabroadband negli ultimi 7 mesi. Numeri destinati a crescere nei prossimi mesi

I comuni italiani che negli ultimi sette mesi hanno beneficiato degli interventi di copertura ultrabroadband di TIM sono oltre 2700. Nel mese di settembre, l’operatore ha continuato a dare un forte impulso ai propri programmi di cablaggio con tecnologia FTTC, concentrandosi particolarmente sulle “aree bianche” del paese, grazie ai quali la fibra ottica è stata estesa ad altri 200 comuni distribuiti sul territorio nazionale. Per assicurare connessioni ultrabroadband nei comuni non ancora raggiunti dalla fibra, TIM ha confermato il proprio impegno anche nell’utilizzo della tecnologia FWA, che utilizza un sistema di collegamenti ibrido via cavo e senza filo per offrire servizi di connettività in banda ultralarga.

TIM continuerà comunque ad intensificare i propri programmi di cablaggio nei prossimi mesi portando entro dicembre la fibra al 90% delle famiglie che utilizzano la rete fissa a livello nazionale e per soddisfare le richieste di connettività sempre più numerose provenienti dalle zone rurali o a bassa densità del paese. L’operatore ha fissato l’obiettivo di cablare oltre 5000 comuni entro la fine dell’anno (molti tra questi anche nelle sopracitate “aree bianche”) proseguendo così l’impegno per superare il digital divide in Italia entro la fine del 2021. L’allargamento della copertura della banda ultralarga porterà vantaggi a tutti gli italiani come la possibilità di lavorare e studiare a distanza, navigare ad alte velocità in rete e usufruire di servizi TV e intrattenimento. Ad oggi sono oltre 4700 i comuni italiani dove sono disponibili servizi a banda ultralarga TIM.

L'articolo TIM: banda ultralarga in oltre 2.700 comuni negli ultimi 7 mesi proviene da Tariffando.it.



Continua a leggere...