La crisi nella produzione di microchip colpisce anche Apple: secondo Bloomberg, infatti, nemmeno l’enorme potenza contrattuale della casa di Cupertino riuscirà ad accaparrarsi le risorse per mantenere invariata la produzione di iPhone 13. Nonostante, quindi, una richiesta elevatissima per i nuovi modelli di smartphone, Apple sarà costretta a tagliare le forniture di circa 10 milioni di esemplari.