Amazon Echo Auto arriva oggi, 17 giugno 2020, in Italia. Dopo essersi fatto spazio in molte case e aver preso il comando di diversi aspetti della domotica nella vita di tanti, l’assistente vocale Alexa punta a entrare in un altro ambito molto vissuto dalle persone come l’abitacolo della macchina con tante utili funzioni. Vediamole insieme!

Anzitutto è necessario capire come si usa.

Amazon Echo Auto è un po’ come il vecchio Echo Input (ormai scomparso dallo store), perché per funzionare ha bisogno dell’impianto audio (le casse) della macchina: si connette a questo tramite Bluetooth, ma per le auto meno recenti o alcuni particolari modelli è prevista anche la possibilità di “agganciarlo” attraverso la porta AUX e il relativo connettore (il cavo da 1 metro è incluso nella confezione).

La confezione contiene anche un supporto per la bocchetta di aerazione e qui entra in gioco un aspetto cruciale: non tutte sono adatte per ospitarlo! Prima di acquistarlo, quindi, è bene verificare che ci possa stare.

bocchette-aerazione-compatibili-amazon-echo-auto

Per l’alimentazione elettrica necessaria a funzionare deve essere collegato alla presa da 12V (l’accendisigari) o a una porta USB.

PS: per moltiplicare le uscite dell’accendisigari esistono appositi plug come questo Aukey, “scelto da Amazon”

È inoltre necessario associare il dispositivo all’app Alexa sullo smartphone: del resto il telefonino rimane la chiave d’accesso indispensabile per l’utilizzo di Amazon Echo Auto

installazione-amazon-echo-auto

Attenzione: la compatibilità di Amazon Echo Auto non è garantita con tutte le auto e neppure con tutti i modelli di smartphone. Prima di acquistarne uno, quindi, vi consigliamo di verificare l’elenco disponibile nella pagina dedicata

amazon-echo-auto

Dopodiché Amazon Echo Auto diventa a tutti gli effetti un dispositivo Echo “come un altro”, nel senso che mette a disposizione le stesse funzioni dei diversi assistenti vocali Amazon:

  • Avvia la musica dai servizi di streaming
  • Fa partire la radio (da TuneIn), permettendo di selezionare la stazione
  • Può leggere gli audiolibri scaricati con Amazon Audible (ripartendo sempre dal punto in cui li si era lasciati)
  • Può far partire le routine pre-impostate, avviare (per esempio) il sommario quotidiano delle notizie, etc.
  • Permette di accedere alle diverse skills Alexa
  • Consente di prendere degli appunti, impostare dei promemoria e le “to do list”, aggiungere prodotti alla lista della spesa
  • Dà modo di telefonare, o anche annunciare – con Drop in – sui diversi dispositivi associati che si sta tornando a casa

Tutto con la voce, grazie all’ottima ricezione garantita dai suoi ben 8 microfoni integrati, senza mai dover staccare le mani dal volante: è questo il suo vero valore aggiunto, contribuire ad aumentare la sicurezza alla guida dato che per comandarlo non serve distrarre la concentrazione dalla strada.

Certo, è praticamente quello che si può fare – funzione più, funzione meno – anche con un buon smartphone Android attivando l’assistente vocale di Google: per collegare il tutto all’autoradio bastano degli appositi dispositivi che si acquistano con 15/20 euro.

Amazon Echo Auto invece costa 59,99 euro, e probabilmente è per questo più di uno degli amici che ci seguono sul nostro canale Telegram ha storto il naso.

A questo prezzo Amazon Echo Auto non è imperdibile, ma se nelle prossime settimane dovessero arrivare delle offerte stile quella che si vede proprio oggi su Fire TV Stick (a 24,99 euro di nuovo), le cose potrebbero cambiare, non trovate?



Continua a leggere...